Libreria della Spada - Fasto e rigore la natura morta nell'italia Settentrionale dal XVI al XVIII secolo - Libri esauriti antichi e moderni. Libri rari e di pregio da tutto il mon

Fasto e rigore la natura morta nell'italia Settentrionale dal XVI al XVIII secolo

Fasto e rigore la natura morta nell'italia Settentrionale dal XVI al XVIII secolo
clicca per ingrandire
  
Skira Milano
2000 264
(cm) 130 ill. colori, 75 ill. b/n n.t.
cart. edit. ill.
  3100 (gr)
8881187523 9788881187522
 

momentaneamente non disponibile

Circa 130 dipinti, provenienti da collezioni pubbliche e private, documentano l’origine e lo sviluppo della natura morta, tra la fine del XVI secolo e la fine del XVIII secolo, in Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna e Veneto. In questi territori di reciproci scambi e di intenso collezionismo la natura morta, di cui vengono documentati anche aspetti poco noti, mantiene caratteristiche di autonomia locale.

Il volume, che accompagna l’esposizione di Colorno, si apre con i precedenti tardo-cinquecenteschi comprendenti opere di artisti fiamminghi documentati anticamente in Italia settentrionale, come Joachim Beuckelaer, e le prime risposte padane di Vincenzo Campi e Bartolomeo Passerotti. Si continua poi, tra Sei e Settecento, con la Lombardia di Fede Galizia, Panfilo Nuvolone, Evaristo Baschenis e Giacomo Ceruti, alla quale si affianca l’Emilia di Paolo Antonio Barbieri, Pier Francesco Cittadini, Felice Boselli, Giuseppe Maria Crespi e Cristoforo Munari.
Se in queste due regioni le connessioni sono costanti nel tempo, in Liguria si assiste ad una apertura verso le Fiandre più che ai rapporti con i territori confinanti. E sulla scia dell’esempio di Jan Roos e Giacomo Legi, si formarono alcuni specialisti locali, quali Anton Maria Vassallo e Bartolomeo Guidobono.
Il Piemonte si caratterizza piuttosto per il fervore del collezionismo, specie dei duchi di Savoia, da Carlo Emanuele I a Vittorio Amedeo I e così via fino alla fine del Settecento. Il Veneto, segnato lungo tutto il Seicento dalla presenza dei forestieri (stranieri, ma anche artisti provenienti da altre regioni d’Italia, e specie dalla Liguria), documenta la vivacità del mercato artistico e del collezionismo, senza dar luogo a significativi episodi autoctoni.
Autori dei saggi sono alcuni dei più autorevoli esperti della pittura italiana del Seicento e Settecento: Giovanni Godi, Anna Orlando, Alberto Cottino, Alessandro Morandotti, Daniele Benati, Alberto Crispo e Franco Paliaga.

 

 
 

Potrebbero interessarti anche...

 

Storia della Pittura <span>Dai tempi delle caverne a oggi</span>
40.00 € -50%
20.00 €
<h0>Pio II e le Arti <span><em>La riscoperta dell'antico da Federighi a Michelangelo</em></span></h0>
48.00 € -30%
33.60 €
Palazzo Internazionale delle Aste ed Esposizioni <span> Collezioni Turgi Prosperi, Carlo Pisacane, Teresa Murphy</Span>
20.00 € -50%
10.00 €
Umbria
41.32 € -75%
10.33 €
 
 
L.d.S. - Libreria della Spada Online di Bazzani Gabriele
Sede Operativa: Via Augusto Barazzuoli 6 R - 50136 - Firenze - Italia | Tel. (+39) 055 9752994 - Cell. (+39) 320 7019705
Sede Legale: Via Adriano Mari, 5 - 50136 - Firenze - Italia
P.Iva 06192950480 | C.F. BZZ GRL 69M13 D612R | CCIAA FI 608172 | info@libreriadellaspada.com
22 online | © 2019 | powered by dotflorence.com